LA NOSTRA STORIA
IL NOSTRO ORGOGLIO

Garelli è una delle prime e più innovative case motociclistiche italiane. Garelli viene fondata a Milano il 25 ottobre 1919 da Adalberto Garelli, un giovane ingegnere particolarmente intraprendente.

Nel 1912 Garelli brevetta il suo primo progetto: il motore a due tempi a cilindro sdoppiato, due anni dopo lo inserisce all’interno del prototipo “350” e per testarne le funzionalità raggiunge il passo del Moncenisio a 1925 metri di altezza. 

Durante i conflitti mondiali Garelli subisce varie trasformazioni e con la fine del secondo conflitto vengono richiesti mezzi di trasporto più economici che possano favorire la ripresa economico-sociale del Paese. Garelli può così tornare a progettare nuovi modelli di motocicli.
 

1946: il Mosquito 38-A 

Semplicemente un motore ausiliario da poter applicare ai telai delle proprie bici. Il Mosquito riscuote un grande successo grazie alla semplicità, la compattezza e l’economicità d’uso. 

Il Mosquito 315 

Dopo l’enorme successo del Mosquito, Garelli decide di avviare la produzione di un motore integrato ad un proprio telaio: il Mosquito 315.

La produzione di ciclomotori viene negli anni successivi affiancata a quella di moto da competizione, negli anni ‘80 Garelli è una delle protagoniste nelle più importanti gare nazionali ed internazionali, aggiudicandosi titoli e vittorie nei Motomondiali e nei Campionati Italiani di Velocità. 

Dopo quasi un secolo, Garelli fa oggi il suo ritorno con bici e scooter 100% elettrici. Garelli is back.

Lo storico brand torna alla ribalta e lo fa con due nuove linee di prodotti 100% elettrici. 
Mountain bike e Trekking equipaggiate con motori elettrici Bosch e OLI, i più performanti sul mercato, e un ciclomotore dallo stile urban-retrò, il Ciclone nelle versioni Dark, Passion, Sport, Scout e Metal.

E-BIKE

CICLONE

SFOGLIA IL CATALOGO E-BIKE 2019

LE NUOVE COLLEZIONI GARELLI SARANNO PRESTO DISPONIBILI, STAY TUNED!

SEGUICI SU FACEBOOK

Defaults-facebook-square

RESTIAMO IN CONTATTO